Regolamento delle Escursioni - GEsCAI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Organizzazione

______________________________________________________________________________________________________________

REGOLAMENTO DELLE ESCURSIONI SOCIALI



PARTECIPAZIONE ALLE ESCURSIONI

Art. 1. L'ESCURSIONISTA, L'ISCRIZIONE ALL'ESCURSIONE E I SUOI EFFETTI

Alle escursioni "annuali" e "settimanali" possono partecipare i soci e i non-soci.
I partecipanti si impegnano ad osservare il programma dell’escursione ed il presente Regolamento.
Le iscrizioni "annuali" possono essere effettuate di norma dal lunedì precedente l'escursione, salvo diversa indicazione resa nota nel sito internet del GEsCAI. Per quelle settimanali valgono le indicazioni pubblicate sullo stesso sito.
Le iscrizioni si effettuano per via telefonica presso l’incaricato delle prenotazioni, nelle ore d'apertura indicate nel sito internet e comunque secondo le decisioni adottate dal CdG.
Le escursioni programmate possono essere annullate per cause di forza maggiore, a discrezione del Direttore di escursione.
Se il mezzo di trasporto utilizzato è il pullman, qualora il numero degli iscritti non sia sufficiente a coprire le spese del vettore più piccolo disponibile, si potranno utilizzare veicoli privati.
E' fatto salvo il diritto del Direttore di escursione di stabilire un diverso sito di ritrovo a seconda dei casi.
L'orario di partenza deve essere rigorosamente rispettato.
Il GEsCAI non restituirà le somme anticipate dal ritardatario lasciato a terra, né di chi non avesse disdetto la partecipazione entro la data fissata dagli organizzatori al fine di poter coprire le spese organizzative e di trasporto.
E' stabilita per ogni escursione, oltre alla quota parte del costo dell’eventuale vettore, un contributo organizzativo che ha lo scopo di coprire sia pure in termini quasi simbolici le spese di studio dell'itinerario nonché dell'organizzazione dell'escursione medesima.
Il contributo organizzativo non viene restituito in nessun caso.
A nessun Direttore di escursione spetta alcunché in quanto il CAI si avvale della disponibilità dei Soci che agiscono in regime di volontariato.
Chi mette a disposizione il proprio veicolo ha diritto al rimborso da parte dei trasportati.
La quota relativa all’assicurazione dei non soci non sarà rimborsata in caso di annullamento dell’escursione.

Le prenotazioni vengono effettuate in ordine di tempo finché ci sono posti disponibili ed è possibile prenotare o disdire entro il venerdì precedente l'escursione.
Tuttavia:
a. I soci hanno diritto di precedenza per le prenotazioni effettuate entro il giovedì precedente l'escursione.
b. I non soci sono ammessi con riserva e vengono confermati solo il venerdì precedente l'escursione se ci sono ancora posti liberi, in base all'ordine di prenotazione.
c. eventuali disdette vanno date entro il venerdì precedente l'escursione; le disdette date successivamente o le eventuali assenze nel giorno stabilito, non esimono dal contributo organizzativo per partecipare ad una escursione successiva.
Il Direttore di Escursione potrà rifiutare a suo insindacabile giudizio il partecipante non adeguatamente equipaggiato o preparato.
Il Direttore di Escursione può variare il percorso dell'escursione se e quando lo riterrà opportuno.
La partecipazione alle escursioni sociali è aperta anche ai non-soci del CAI, con l'esclusiva finalità promozionale di far conoscere il CAI alle persone potenzialmente interessate. I non-soci che abbiano già partecipato a tre escursioni saranno invitati ad iscriversi al CAI, altrimenti non potranno essere ammessi ad ulteriori escursioni.
Non è ammessa la presenza dei cani.
Non si accettano prenotazioni di Gruppi di NON Soci.



Art. 2. DOVERI DEI PARTECIPANTI

I partecipanti devono possedere una preparazione psico-fisica adeguata alle difficoltà da affrontare. A tale proposito il Direttore di escursione ha la facoltà di escludere preventivamente quanti, a suo insindacabile giudizio, non siano ritenuti sufficientemente preparati o non adeguatamente equipaggiati.
I partecipanti devono inoltre attenersi scrupolosamente alle norme comportamentali indicate nella descrizione delle escursioni.
In particolare:
Ogni partecipante all’escursione deve prendere visione delle norme del presente Regolamento ed è tenuto a collaborare in modo solidale con i Direttori adeguandosi alle loro decisioni - specialmente quando insorgano, o siano insorte difficoltà – e deve inoltre contribuire con il massimo impegno a determinare all’interno della comitiva il positivo clima di solidarietà umana indispensabile per favorire la buona riuscita dell’iniziativa.
Il Direttore può prevedere la formazione di più comitive con diversi programmi. Per ognuna verrà nominato un accompagnatore.

 
Le escursioni. Norme di comportamento
 

Prima delle escursioni:
 
1. Leggere attentamente la descrizione e valutare attentamente caratteristiche e difficoltà dell'escursione; si tenga presente che di ogni escursione viene preparata una dettagliata scheda tecnica che riporta la descrizione generale del territorio interessato, la descrizione dell’itinerario a piedi nonché tutte le informazioni di dettaglio per quanto riguarda gli aspetti logistici ed organizzativi. La scheda e tutti gli aggiornamenti del calendario vengono pubblicati e tempestivamente resi disponibili sul sito del Gruppo:  www.escai.sardegna.it .
2. Valutare la propria preparazione fisica e tecnica in rapporto alle caratteristiche e difficoltà dell'escursione; in caso di dubbi contattare il direttore di escursione, che comunque potrà sempre a suo insindacabile giudizio escludere la partecipazione, per il bene prima di tutto del partecipante.
3. Osservare la massima puntualità nel rispetto degli orari previsti per il ritrovo dei partecipanti; per il rispetto dovuto a tutti, non si aspettano i ritardatari; si partirà non oltre 5 minuti dall'ora fissata.
4. Vestirsi a cipolla (a strati) e provvedere ad abbigliamento ed equipaggiamento consono alla stagione, all’impegno e alla lunghezza dell’escursione (abbigliamento intimo di ricambio, pile, giacca a vento, guanti, cappello, scarponi, occhiali da sole, crema solare, generi di conforto alimentare); tenere presente che la partecipazione alle escursioni implica sempre l'obbligo di utilizzo delle scarpe da trekking e dell'equipaggiamento indicato nella descrizione.
Chi ne fosse sprovvisto, per motivi di sicurezza non potrà partecipare all’escursione.
5. Non dimenticare di inserire nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza (telo termico, lampada frontale, telefonino, coltello, ecc.) insieme ad un piccolo kit di pronto soccorso, e gli eventuali farmaci per uso personale.


Durante l'escursione:
 
6. Per motivi di sicurezza, ogni componente del gruppo durante l’ escursione deve stare sempre dietro il Direttore di Escursione e ne dovrà seguire scrupolosamente le indicazioni; il non attenersi vale come rinuncia implicita al nostro accompagnamento; non sono consentite iniziative personali durante l'escursione. Ogni partecipante ha il dovere di contribuire alla buona riuscita dell'escursione, con un comportamento attento e prudente e di massima collaborazione.
7. Mettersi a disposizione del Gruppo, regolare la propria andatura sulla base del passo del Direttore di Escursione; evitare di attardarsi per non rallentare l'intero gruppo ma anche di camminare troppo veloci e diventare una spina nel fianco del Direttore di Escursione; per quanto possibile sfruttare le soste anche per espletare le proprie esigenze fisiologiche.
8. Chi dovesse fermarsi per necessità fisiologiche lasci lo zaino lungo il sentiero e chi chiude la fila saprà che deve attenderlo.
9. Regolare la propria andatura in modo da mantenere un costante contatto visivo con chi ci precede e con chi ci segue; nei bivi non segnalati o comunque in caso di dubbio sul percorso da seguire, non avventurarsi sulla presumibile traccia, ma nel caso in cui si sia perso il contatto visivo con chi ci precede, occorre fermarsi lungo il sentiero e non procedere oltre. Attendere chi chiude la fila che saprà quale direzione prendere.
10. Adeguare l'alimentazione alle esigenze fisiche e climatiche. E' sempre raccomandata una buona colazione e, durante l'escursione, piccole integrazioni (pane, fette biscottate, frutta, barrette energetiche). Si eviti di appesantire lo stomaco con cibi di lenta digestione e soprattutto di assumere bevande alcoliche. Sarà utile disporre di almeno 2 lt. d'acqua.
11. Non è gradito che si fumi durante l'escursione.
12. E’ fatto assoluto divieto di lasciare qualsiasi tipo di rifiuto, COMPRESO QUELLI RITENUTI BIODEGRADABILI; i rifiuti si riportano a casa.
13. Silenziare la suoneria dei telefonini ed evitare, se non per casi di urgenza, di farne uso se non per effettuare delle foto, per effettuale le quali - si ricorda - è consigliabile fermarsi e là dove la stabilità fosse precaria, cercare un appoggio sicuro.



Art. 3. RISCHI E RESPONSABILITÀ

L’iscrizione al Sodalizio garantisce automaticamente la copertura assicurativa per gli infortuni in attività sociale e per la copertura delle spese inerenti il Soccorso Alpino.
I non soci vengono assicurati dalla sezione con la Polizza infortuni in attività sociale ed eventualmente con la Polizza soccorso alpino in attività sociale per ogni singola escursione e l’importo relativo è a loro carico.

I Soci in regola con il tesseramento avranno la copertura assicurativa con le condizioni dell’anno in corso e fino al 31/03 dell’anno successivo.

I nuovi soci saranno coperti automaticamente dalla polizza infortuni dal giorno successivo all’iscrizione.

(Circolari CAI)
I partecipanti, Soci di altre Sezioni CAI, debbono portare con sé la tessera associativa da esibire al Direttore di escursione su semplice richiesta, per la verifica della copertura assicurativa in essere.
Al di fuori delle coperture suddette, gli escursionisti non godono di altre coperture assicurative e pertanto, considerati i rischi connessi allo svolgimento di attività in montagna partecipano a proprio rischio e pericolo.
Il responsabile del Gruppo provvede ad attivare la copertura assicurativa comunicando i dati alla Sede Legale almeno 24 ore prima del giorno relativo all'escursione.
La richiesta di partecipazione ad una escursione vale a tutti gli effetti quale sottoscrizione ed accettazione di tutto quanto precede.


Art. 4. ESCLUSIONI

Il CDG, sentito il rapporto degli accompagnatori ha facoltà di escludere da escursioni successive coloro che non si siano attenuti alle norme del presente Regolamento ed alle disposizioni degli accompagnatori. Su eventuali reclami contro i provvedimenti di cui sopra decide il CD.


_____________________


Allegato  1

SCALA DELLE DIFFICOLTA' ESCURSIONISTICHE


Turistico

Itinerari su stradine, mulattiere o larghi sentieri, con percorsi ben evidenti e che non pongono incertezze o problemi di orientamento. Si svolgono di solito sotto i 2000 metri e costituiscono di solito l’accesso ad alpeggi o rifugi.
Richiedono una certa conoscenza dell'ambiente montano e una preparazione fisica alla camminata.


E Escursionistico

Itinerari che si volgono su terreni di ogni genere, oppure su tracce di passaggio in terreno vario (pascoli, detriti, pietraie), di solito con segnalazioni; possono esservi brevi tratti pianeggianti o lievemente inclinati di neve residua quando, in caso di caduta, la scivolata si arresta in breve spazio e senza pericoli. Si sviluppano a volte su terreni aperti, senza sentieri ma non problematici, sempre con segnalazioni adeguate. Possono svolgersi su pendii ripidi; i tratti esposti sono in genere protetti (barriere) o assicurati (cavi). Possono avere singoli passaggi su roccia, non esposti, o tratti brevi e non faticosi né impegnativi grazie alla presenza di attrezzature (scalette, pioli, cavi) che però non necessitano l'uso di equipaggiamento specifico (imbragatura, moschettoni, ecc.).
Richiedono un certo senso di orientamento, come pure una certa esperienza e conoscenza del territorio montagnoso, allenamento alla camminata, oltre a calzature ed equipaggiamento adeguato.


EE Per Escursionisti Esperti

Itinerari generalmente segnalati ma che implicano una capacità di muoversi su terreni particolari. Sentieri o tracce su terreno impervio e infido (pendii ripidi e/o scivolosi di erba, o misti di rocce ed erba, o di roccia e detriti). Terreno vario, a quote relativamente elevate (pietraie, brevi nevai non ripidi, pendii aperti senza punti di riferimento, ecc.). Tratti rocciosi, con lievi difficoltà tecniche (percorsi attrezzati, vie ferrate fra quelle di minore impegno). Rimangono invece esclusi i percorsi su ghiacciai, anche se pianeggianti e/o all'apparenza senza crepacci (perché il loro attraversamento richiederebbe l'uso della corda e della piccozza, nonché la conoscenza delle relative manovre di assicurazione.
Necessitano: esperienza di montagna in generale e buona conoscenza dell'ambiente alpino; passo sicuro e assenza di vertigini; equipaggiamento, attrezzatura e preparazione fisica adeguate.



EEA Per Escursionisti Esperti, con Attrezzatura

Percorsi attrezzati o vie ferrate per i quali è necessario l'uso dei dispositivi di autoassicurazione ( imbragatura, dissipatore, moschettone, cordini) e di equipaggiamento di protezione personale (casco, guanti).

_____________________

Allegato  2

LIBERATORIA

Dichiarazione di esonero dl responsabilità

Con la richiesta di partecipazione al programma di escursioni e in genere a tutte le attività proposte dal CAI – Sezione di Cagliari, il sottoscritto esplicitamente attesta e dichiara:

  • di non aver alcun impedimento fisico e psichico alla pratica dell’escursionismo, di essere idoneo dal punto di vista medico e di avere una preparazione fisica adeguata alla difficoltà della escursione;
  • di aver preso visione e di accettare incondizionatamente il Regolamento Escursioni predisposto dal CAI – Sezione di Cagliari;
  • di ben conoscere le caratteristiche e le difficoltà dell’escursione e conseguentemente di essere consapevole e riconoscere che la partecipazione all’escursione comporta dei rischi ineliminabili. Dichiara inoltre di aver chiesto e ricevuto o comunque di ben conoscere tutte le avvertenze e raccomandazioni opportune per ridurre al minimo tale rischio;
  • di assumersi in proprio in maniera consapevole ogni rischio conseguente o connesso alla partecipazione all’escursione e pertanto di esonerare fin da ora il CAI Sezione di Cagliari e i Direttori di Escursione da qualunque responsabilità e risarcimento per danni fisici o materiali verificatisi in relazione all’escursione e a tutte altre attività previste nel programma, anche se dovuti a terzi estranei o altri partecipanti, fatto salvo quanto eventualmente previsto dalla copertura assicurata dalla polizza per la responsabilità civile stipulata dal CAI.
  • di autorizzare il Gruppo Escursonistico del CAI di Cagliari con l'apposizione della firma su apposito modulo ad utilizzare l'indirizzo email dei partecipanti NON soci per inviare loro comunicazioni esclusivamente riguardanti le escursioni.
_____________________________




Regolamento Tecnico

Torna ai contenuti | Torna al menu